Can. 1416

Conflictus competentiae inter tribunalia eidem tribunali appellationis subiecta, ab hoc tribunali solvuntur; a Signatura Apostolica, si eidem tribunali appellationis non subsunt.

I conflitti di competenza tra due tribunali soggetti allo stesso tribunale di appello, sono risolti da questo tribunale; se non sono soggetti allo stesso tribunale di appello, dalla Segnatura Apostolica.

Zuständigkeitsstreitigkeiten zwischen Gerichten, die ein gemeinsames Berufungsgericht haben, werden von diesem geklärt; die Apostolische Signatur ist zuständig, wenn sie nicht demselben Berufungsgericht unterstehen.

c. 1612; PrM 10.

Ioannes Paulus II, Constitutio Apostolica Pastor bonus, 28 iunii 1988, in AAS 80 [1988] 891.
«Art. 122. Ipsum cognoscit:
[…] 4° conflictus competentiae inter tribunalia, quae non subiciuntur eidem tribunali Appellationis».

Lex propria Supremi Tribunalis Signaturae Apostolicae, 21 iunii 2008, in AAS 100 [2008] 521; 527-528.
«Art. 33. Signatura Apostolica cognoscit:
[…] 5º conflictus competentiae inter tribunalia, quae non subiciuntur eidem tribunali appellationis, nisi aliud iure provisum sit»
«Art. 70. Salva competentia de qua in art. 35, nn. 2-3, Signatura Apostolica, denuntiato competentiae conflictu, primum videt num reapse de conflictu agatur, et quidem ad normam articulorum huius capitis solvendo.
Art. 71. Secretarius, inspectis omnibus conflictus adiunctis, prout casus ferat processus pendentes suspendit.
Art. 72. § 1. Acquisitis actis causae atque partium memorialibus necnon, si casus ferat, auditis Tribunalibus, Defensor vinculi, si in iudicio interveniat, animadversiones et Promotor iustitiae votum pro rei veritate exhibent.
§ 2. Congressus, remoto quolibet iuris remedio, decreto propositum conflictum solvit, statuens, quatenus necessarium, forum competens atque prosecutionis rationem».

I conflitti di competenza possono essere positivi o negativi. Nel primo caso due o più tribunali si dichiarano competenti a giudicare una determinata causa; nel secondo uno o più tribunali si dichiarano incompetenti a giudicare una determinata causa.

A giudicare del conflitto di competenza è il tribunale di appello, al quale sono soggetti i due tribunali; in tutti gli altri casi è competente a dirimere il conflitto la Segnatura Apostolica (cf LP 33, 5°; 70-72).

Il tribunale di appello di cui si tratta qui non è la Rota Romana, bensì il tribunale locale di appello, ossia quello stabilito a norma dei cann. 1438-1439.

La soluzione del conflitto di competenza è recensita tra le attività giudiziali (cf, per esempio, LP 33, 5°). La normativa processuale degli artt. 70-72 LP può essere fonte suppletiva – congrua congruis referendo – per i tribunali di appello chiamati a risolvere un conflitto di competenza.

Bonnet, P.A., La competenza. Brevi annotazioni ai cc. 1404-1416 CIC, in «Periodica de re canonica» 85 (1996) 529-530.

In ordine cronologico
Communicationes 38 (2006) 64; 92; 41 (2009) 365; 10 (1978) 249.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito monsmontini.it ove prossimamente saranno pubblicate le dispense aggiornate della parte statica del Corso di diritto processuale tenuto nella Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università Gregoriana.